/* CSS Cookie e GDPR */ #cookieChoiceInfo { top: auto !important; /* Banner in basso */ bottom: 0 !important; /* Banner in basso */ } div#cookieChoiceInfo { font-family: Georgia; }

Il triangolo magico

La settimana scorsa sono stata alla fiera Creattiva, a Bergamo,
e tra la miriade di cosa da guardare, comprare, ammirare,
e tra la miriade di cose che effettivamente ho comprato @_@
guardate un po' cosa mi sono presa
( che non avevo preso la scorsa edizione invernale, e da allora ci pensavo!):
Il triangolo  magico
Sono praticamente dei gessetti a base di cera d'api, che grazie alla loro 'particolare' forma a triangolo
risultano molto maneggevoli anche per i bambini più piccoli, e di lunga durata rispetto ai gessetti di cera classici.
Ottimi per stimolare la fantasia e la creatività dei bambini, che potranno facilmente 'ricalcare' le texture e le sagome di tutto quello che vedono, dando sfogo ad incredibili composizioni ed effetti cromatici, scatenando fantasie.

Il loro utilizzo è semplicissimo, oltre a poterli comunque utilizzare come semplici gessetti:

.basta posizionare sotto ad un foglio la figura che si vuole 'ricalcare', una foglia, una sagoma da voi ritagliata da un altro supporto, carta, cartoncino..., o ancora dei centrini, o ancora degli stencil, comprati o autoprodotti...qualsiasi cosa abbia uno spessore ( ma non troppo alto!);

.si passa poi il gessetto a triangolo utilizzando un lato dello stesso, con uno o più colori, a secondo dell'effetto che si vuole ottenere.


.Aggiungendo poi una goccina di olio essenziale al centro del singolo triangolo, con un pennello si può ottenere l'effetto di un acquarello, da poter usare anche su legno e vetro

.Un altro utilizzo può essere quello della 'firma invisibile':
Basterà scrivere con una punta qualsiasi il proprio nome su un foglio, quando passerete il triangolo magico, il solco che avrete lasciato con la vostra firma, non si colorerà.
Io li ho comprati in fiera, ma i triangoli magici li potete acquistare anche on line qui.

4 commenti:

  1. Effettivamente sono molto più versatili dei classici gessetti...davvero una bella idea!
    Ai miei bimbi piacerebbero sicuramente!! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io avevo provato a usare i gessetti classici, tondi, e anche se qualcosa di carino 'saltava fuori' lo stesso, con questi, oltre ad essere più pratico e veloce, esce un bel 'capolavoro ;)

      Elimina
  2. C' l'ho anhc'io io ho quelli fatti a rettangolo di Stockmar :-) utilissimi con laprima figlia sono stati i suoi primi colori, mentre il secondo ha a disposizione tutti pennarelli colori della sorella :-D

    RispondiElimina

linKWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...