/* CSS Cookie e GDPR */ #cookieChoiceInfo { top: auto !important; /* Banner in basso */ bottom: 0 !important; /* Banner in basso */ } div#cookieChoiceInfo { font-family: Georgia; }

Come inizia una gravidanza gemellare

Oggi  per l' appuntamento con il racconto della mia gravidanza gemellare,
volevo fare una breve descrizione di quello che succede nel primo trimestre.
Una descrizione un po' tecnica, medica, e basata sulle informazioni che ho trovato sia in siti dedicati ai gemelli, forum, community, sia dalle informazioni che trovai e mi raccontarono durante i miei controlli-ecografie mensili in ospedale.

Come tutte le gravidanze, il periodo di gestazione viene calcolato in settimane, e tali rimangono, non ho dovuto moltiplicarle per 2! ( domande assurde che vi racconterò).
Ma come avviene la fecondazione per una gravidanza gemellare è ovviamente un po' diverso.
Innanzi tutto devo dire che possono esserci i due casi di gravidanza gemellare:
monozigote o eterozigote.

Ecco un immagine presa da gyneconline.net per avere un idea di quello che sto per spiegare:
La mia è stata una gravidanza eterozigote, o biovulare, dizigote o fraterna, ossia due ovociti fecondati da due spermatozoi,
la più 'semplice' e meno pericolosa, meno a rischio dicono, e anche la più frequente,
ma io mi sono sempre chiesta: sarà anche la più semplice ma, dico io, fecondare due ovuli nello stesso momento da due spermatozoi differenti, è un evento meravigliosamente sincronizzato!
E nello specifico, anche biamniotica e bicoriale.
Quindi, in pratica, due sacche e due placente.
La meno 'complicata' dal punto di vista di complicazioni.
e quella che molto probabilmente darà alla luce due bambini di due differenti sessi: maschio e femmina.
....'così sei a posto' ( altra frase infelice del tipo sopra!)

Mentre per sapere sulla gravidanza monozigote vi rimando al racconto di un altra mamma di gemelle: Thepocketmama, e della sua gravidanza gemellare.
E ancora un altra gravidanza gemellare, quella di Deborah.

Il fatto di considerare una gravidanza gemellare 'a rischio', è dato dal fatto che nel decorso della gravidanza, i sintomi e disturbi classici potrebbero essere raddoppiati :D
Sintomi del tipo:
. nausee più intense ( fortunatamente sono stata risparmiata da questo! a parte il viaggio a Positano );
. aumento del peso più significativo ( mentre da questo sono stata abbondantemente inondata!);
. l'aumento notevole della panza dell'addome che puo' portare a dolori addominali o lombosacrali- e difficoltà respiratorie ( ma avevo ho imparato a delegare e a non affaticarmi senza motivo);
. e altri casi un pochetto più seri e complicati che potrebbero insorgere durante la gravidanza, ma che non sto qui a raccontarvi.
Io ai tempi della mia gravidanza, dopo una piccola sbirciatina, decisi di non andare avanti nella lettura di informazioni che potevano solo aumentarmi l'ansia, anche se devo dire onestamente che ho vissuto talmente serenamente, e forse anche ingenuamente quel meraviglioso momento, da non essermi mai fatta prendere da nessun tipo di ansia, e decisi di cercare informazioni, e magari prima parlandone prima direttamente con il ginecologo, non su internet! e solo nel caso fosse stato strettamente necessario.

Altre informazioni, per vivere serenamente la gravidanza, li avevo cercati circa l'aspetto nutrizionale, trovando suggerimenti che avrebbero dovuto accompagnarmi nel corso della gravidanza, ma che 'puntualmente' non seguivo molto, come:
. bere tanta acqua, anche un bicchiere ogni ora, per ridurre la pressione del sangue, ed evitare il rischio di gestosi;
. seguire un alimentazione sana, e non pensare di dover mangiare per 3!
. mangiare frutta, verdura, proteine integrali e latticini;
. anche seguendo un alimentazione sana, in una gravidanza gemellare potrebbe venire a mancare ferro e iodio, quindi, sempre sotto consiglio medico, rimediare alle carenze;
. non affaticarsi troppo e stare attente allo stress, che potrebbero causare nascite premature, quindi come ho detto prima...
relax, che dopo dovrete correre :D

E la cosa più importante:
una mamma sa sempre cosa deve fare, e sa cosa è giusto per sè e i loro bambini.
Ascoltate tutti i consigli, lasciate parlare tutti i 'bambinologi' e 'gravidanzologi' che incontrerete, soprattutto da quelli che non hanno avuto la fortuna di una gravidanza gemellare, poi sarete voi a decidere cosa fare e a come comportarvi.
Lasciatevi condurre dall'istinto.
Io ho sempre fatto così.


1 commento:

  1. io ho avuto due eterozigoti...e ne ho sentiti tanti di consigli "gratuiti" !!

    RispondiElimina

linKWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...